(…)

Nietzsche disse una volta che “la lucidità è l’inferno”. E aveva ragione nel suo

pessimismo. Osservare e ragionare sulla Vita, tale come si presenta, provoca molta

sofferenza. Ma Jacques Lacan, psicoanalista francese, ha incontrato nella Letteratura

la chiave per una lucidità poetica: la Narrativa è la lucidità trasformata in Paradiso.

Per Lacan e per molti che, come me, si sono lasciati incantare dalla parola, siamo

“narrati” ; la verità sta nella Narrativa, più che nei fatti. L’inconscio è strutturato

come Narrativa e i racconti sono il nostro mezzo più prezioso per lasciarlo emergere.

Questo attraverso i secoli, anche quando non si poteva contare neanche sulla risorsa

della scrittura. I racconti, anche se sprovvisti di qualsiasi materialità, sopravvivranno

nella memoria e nei sentimenti. Materializzati nei libri, acquisteranno altre

sfumature e altri linguaggi, ma saranno sempre loro stessi, piegati e spiegati.

Credo che alla fine non siamo noi a scrivere i racconti, sono loro a scriverci, perché

mi sento … scritta.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...